Venezuela: per uscire dalla crisi non possiamo appoggiare i fantocci del fantasma di Monroe

Foto: Reuters

scarica il pdf: Venezuela_per uscire dalla crisi non possiamo appoggiare i fantocci del fantasma di Monroe

La guerra è un massacro fra uomini che non si conoscono a vantaggio
di uomini che si conoscono ma evitano di massacrarsi reciprocamente”

Paul Valéry “Réponse au discours de M. le maréchal Pétain”, 31 gennaio 1931

Fino al dicembre 2017 il Venezuela presentava giganteschi deficit istituzionali e repubblicani. Tuttavia, continuava a celebrare elezioni ragionevolmente libere e competitive. Il governo utilizzava tutte le risorse alla sua portata, come fanno tutti i governi, ma c’era una presenza reale dell’opposizione ed i risultati erano verificati da istituzioni come il Centro Carter e l’ONU.

Se la democrazia può definirsi come un tipo di regime in cui si svolgono elezioni ma non si conosce in anticipo il vincitore, ed esiste un certo livello d’incertezza sui risultati, il Venezuela era una democrazia. Il chavismo è stato accusato di molte cose ma non di non fare elezioni e di non riconoscere le sue sconfitte nei pochi casi in cui questo è avvenuto. Viceversa, l’opposizione non ha mai riconosciuto le sconfitte e, come bambini capricciosi, ha l’abitudine di urlare alla frode quando perde, ossia quasi sempre.

Nel dicembre 2015 l’opposizione ha vinto in modo del tutto inatteso le elezioni all’Assemblea Nazionale, ottenendo una maggioranza di due terzi, sufficiente per riformare la Costituzione e bloccare il governo. Quindi, ha reso immediatamente noto che il suo scopo politico era costringere Leggi tutto “Venezuela: per uscire dalla crisi non possiamo appoggiare i fantocci del fantasma di Monroe”