IL PAESAGGIO SUDAMERICANO DURANTE LA TORMENTA

Da sinistra Hugo Chávez, Dilma Rousseff, José Mujica e Cristina Fernández de Kirchner, rispettivamente ex presidenti di Venezuela, Brasile, Uruguay e Argentina – ©Getty

Scarica il pdf dell’articolo

Scrivere sulla situazione latinoamericana oggi cercando di evitare luoghi comuni e diffusi fideismi non è semplice. Comunque ci provo, pur sapendo che il punto di partenza e l’analisi sono sempre discutibili.

Due chiarimenti metodologici:

  • l’analisi congiunturale ha sempre una valenza breve. In questo caso l’ottobre 2019;
  • salvo cenno diverso, queste osservazioni si limitano al Sudamerica. Rimando il Messico e l’America centrale e caraibica, le cui dinamiche coincidono solo occasionalmente, ad un’altra occasione.

1) Il ciclo progressista latinoamericano è nato da 2 processi: la trasformazione economica e sociale indotta dal neoliberismo e la ricomparsa di un tipo d’insorgenza, classico nel senso delle tradizioni, inedito nei soggetti e modalità della mobilitazione, la cui conseguenza principale è stata la modifica dei rapporti di forza regionali. Chiamo queste insorgenze “ribellioni popolari” per distinguerle dalle classiche rivoluzioni dell’America Latina.

Leggi tutto “IL PAESAGGIO SUDAMERICANO DURANTE LA TORMENTA”

L’ABC della situazione venezuelana a pochi giorni dall’inizio del probabile massacro  

Il vicepresidente USA Mike Pence saluta Carlos Alfredo Vecchio, a destra, sedicente ambasciatore del Venezuela negli Stati Uniti nominato da Juan Guaidó, autoproclamatosi presidente del Venezuela. FOTO: AL DRAGO/BLOOMBERG NEWS

Scarica il pdf: L’ABC della situazione venezuelana a pochi giorni dall’inizio del probabile massacro

“La propaganda, le urla, l’odio di una guerra arrivano invariabilmente
da coloro i quali non la stanno combattendo …”
George Orwell[1]

Scrivo questo testo ben sapendo che ogni punto di vista è solo la vista (o visione) da un determinato punto di vista e, quindi, che la testa di ognuno di noi è là dove i propri piedi si posano.

In questo senso, e solo in questo senso, riesco ad interpretare benevolmente slogan che altrimenti considererei sterili, come “Io sto con Maduro”, “Io sto con la popolazione venezuelana”, “Io sto con la democrazia”. Sterili poiché, come tutte le osservazioni “senza sé e senza ma”, ossia svuotate da ogni riferimento temporale, spaziale e analitico, equivalgono al nulla. A voler essere buono, sarebbe come dire, “a Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata, a Vivaldi l’uva passa che mi dà più calorie… Uh! com’è difficile restare calmi e indifferenti mentre tutti intorno fanno rumore”. Ma, aggiungo, il geniale ma in questo caso troppo ottimista Battiato, ci ricorda in seguito che “in quest’epoca di pazzi ci mancavano gli idioti dell’orrore” [l’ottimista] per poi concludere che “sul ponte sventola bandiera bianca” [l’analista]. Certo, oltre alla genialità, il buon Franco è dotato di armonia[2].

L’immaginazione ci permette di viaggiare senza dover spostare i piedi dal posto che stiamo calpestando, ma non ci esime dal pensare alle conseguenze delle nostre idee e posizioni, dall’assumerci le conseguenze dell’azione propiziata sulla popolazione direttamente colpita.

Per quel che la conosco e immagino, come qualsiasi altra, la popolazione venezuelana non è fatta da kamikaze, da eroi o da aspiranti al martirio, bensì da normali persone disposte a sacrificarsi per le proprie idee con la ragionevole speranza di costruirsi un presente ed un futuro migliore e più degno.

Detto diversamente, penso che proprio quando la situazione diventa più difficile, dev’essere riaffermato e messo al centro di ogni elaborazione teorica, o di qualsiasi pretesa analitica, il rispetto alla vita in tutte le sue forme e manifestazioni.

Ma, confesso, forse lo penso solo perché ho superato da tanto i 30 inverni. Se, come credo ancora, “bisogna diffidare sempre da chi ha più di trent’anni”, posso anche accettare che considerare popoli fortunati quelli che non hanno bisogno di eroi, sia solo un segno di senilità. Detto positivamente, non sentendomi un eroe, non chiedo a nessuno di esserlo e, parafrasando Neruda, che con la chitarra in mano la musica è altra. I navigatori che persisteranno in leggere questo testo, sono quindi avvisati e mezzo salvati.

——————–

Tra pochi giorni (23 o 26 febbraio), Juan Guaidó, autoproclamatosi presidente dal suo seggiolino per ottenuta benedizione imperiale, dovrebbe schierare i suoi miliziani al confine con la Colombia, nel tentativo di costringere le Forze Armate Bolivariane (FAB) ad aprire il confine per far passare i cosiddetti “aiuti umanitari” spediti dagli USA. “Con sprezzo del pericolo e virile energia, posseduto da singolare tenzone”, ha detto davanti ad una foresta di telecamere (in un Paese nel quale l’informazione sarebbe sotto controllo): “Gli aiuti entreranno, sì o sì”. Dopo gli applausi virtuali per cotanto ardimento televisivo, gli impagabili media (impagabili per noi, perché troppo cari), ci hanno detto – non tutti – che nel frattempo la stessa Colombia, il Brasile e l’Olanda, avevano dichiarato di avere aperto altre zone di raccolta per gli “aiuti alimentari da destinare al Venezuela”[3]. Oh yeah.

“l’aggravamento del conflitto toglie spazio alle molte voci che, anzitutto nel Venezuela, propongono di generare le condizioni perché i venezuelani possano risolvere democraticamente il loro futuro.”

Esiste sempre la possibilità che la mobilitazione delle orde guaidiste si riveli un fiasco, ma se funzionasse, ne possono derivare tre situazioni diverse.

La prima è che Guaidó abbia successo. Implicherebbe che le FAB decidano, in toto o a maggioranza, di assecondarlo. Se le FAB cedono, la caduta di Maduro sarebbe vicina, se non imminente. Non credo affatto che i suoi alleati esterni siano disponibili a correre dei rischi per salvarlo (salvo i cubani, gli unici ad averlo fatto in altre circostanze ma, anche, in un’altra epoca storica), e sia la teoria che la storia mi dicono che contro un esercito compatto le pietre e la volontà di lotta della popolazione non bastano. La Intifada, le Intifade, sono eroiche e ammirevoli, probabilmente la sola possibilità che ha per esprimersi un popolo sottomesso, schiacciato, represso e affamato, per dimostrare la sua vitalità e dignità, per far vedere anzitutto a sé stesso che merita un futuro, ma non mi sembra abbiano migliorato la sorte materiale dei palestinesi[4].

Se le FAB si dividono, ciò che segue Leggi tutto “L’ABC della situazione venezuelana a pochi giorni dall’inizio del probabile massacro  “

Salvador, né destra né sinistra. Bukele prosciuga l’Fmln

Foto: Nayib Bukele festeggia l’elezione © LaPresse

Questo articolo è di Gianni Beretta, pubblicato su ilmanifesto.it il 5 febbraio 2019 e nell’edizione del 6 febbraio 2019. Lo si può considerare parte della rubrica “consigli di lettura”.

La secca affermazione di Nayib Bukele conferma anche in El Salvador il trend dei cambi radicali rispetto alla politica tradizionale. Con il 53% dei consensi ottenuto già al primo turno, l’appena 37enne di lontane origini palestinesi (che dal 1° giugno prossimo sarà il più giovane presidente latinoamericano) ha spazzato via trent’anni di sistema bipartitico scaturito dalla fine della sanguinosa guerra civile: con la destra oligarchica di Arena al governo nei primi venti; e l’ex guerriglia del Fronte Farabundo Martì (Fmln) nell’ultima decade.

CON I SUOI GIACCHETTI IN PELLE Bukele, abile impresario di marketing, viene proprio dalle file del Fmln, per il quale è stato fra il 2015 e il 2018 un buon sindaco di San Salvador (a lui si deve il riordino del fatiscente centro storico). Ma il suo fare troppo indipendente e alcuni dissidi con il partito hanno portato sconsideratamente il Fronte, poco più di un anno fa, ad espellerlo. E domenica Bukele ne ha prosciugato gran parte del bacino elettorale; grazie all’appoggio massiccio dei giovani, con i quali si relaziona certo più in rete che con i comizi.

«CON LA MIA NOMINA ci lasciamo alle spalle una volta Leggi tutto “Salvador, né destra né sinistra. Bukele prosciuga l’Fmln”

Spigoli della Quarta Guerra Mondiale: Il Project Insect Allies

Scarica il pdf: Spigoli della Quarta Guerra Mondiale_il Project Insects Allies

1. Tramutazione dell’acqua in sangue, 2. Invasione di rane dai corsi d’acqua, 3. Invasione di zanzare, 4. Invasione di mosche, 5. Moria del bestiame, 6. Ulcere su animali e umani, 7. Pioggia di fuoco e ghiaccio (Grandine), 8. Invasione di cavallette/locuste, 9. Tenebre, 10 Morte dei primogeniti maschi.

 

Presumo che anche un lettore laicissimo abbia identificato l’elenco precedente, così come presumo che tutti sappiano che “le piaghe d’Egitto” sono le punizioni che, secondo la Bibbia, Dio inflisse agli Egizi affinché Mosè potesse liberare gli Israeliti dal paese dello schiavismo.

Presumo, infine, che sarete indulgenti e mi perdonerete la citazione.

Il fatto è che, senza scomodare la Bibbia, l’escalation militare in corso[1] assume forme simili. Tra le altre, anche quella di una Guerra Alimentare presente i cui protagonisti, in futuro, potrebbero essere gli insetti.

Secondo Wikipedia, “per guerra s’intende un fenomeno collettivo Leggi tutto “Spigoli della Quarta Guerra Mondiale: Il Project Insect Allies”

Che Fare – Paolo D’Aprile per www.pressenza.com

09.11.2018 – San Paolo, Brasile – Paolo D’Aprile

In Brasile è in corso un progetto autoritario. La nomina del giudice Moro a super ministro della Giustizia e degli Interni è soltanto uno degli aspetti. Le istituzioni entrano in contraddizione tra loro, la prova di ciò sta nella sospensione da parte della Corte Suprema degli atti arbitrari di intervento poliziesco nelle università, quando decine di atenei hanno subito invasioni, perquisizioni e il sequestro di materiale politico, secondo loro, legato a specifici partiti: una diretta intimidazione al corpo docente con l’arresto di alcuni professori accusati di propaganda sediziosa. La divisione tra le istituzioni apre la strada a chi controlla l’informazione, a chi gestisce il sottobosco tenebroso della politica. Ma il vero orrore deve ancora venire. Il vero orrore è il piano economico che sostiene il progetto politico di facciata. Un esempio su tutti, la nuova legge che regola i rapporti di lavoro, l’abolizione del contratto per esporre i lavoratori all’arbitrio di una classe padronale storicamente fondata sullo sfruttamento della manodopera schiava. La notizia dell’estinzione del Ministero del Lavoro è stata accettata passivamente, ripeto: per l’estinzione del Ministero del Lavoro, nessuna reazione degna di nota. “Il lavoratore deve decidere se rinunciare ai suoi diritti ma avere il lavoro, oppure avere i diritti ed essere disoccupato”. Sì, il nuovo presidente lo ha detto, lo ha scritto. L’orrore economico sarà implementato dalle transnazionali del petrolio, dalle grande imprese estrattiviste, dell’agro business, dal progetto di privatizzazione delle pensioni, della salute pubblica e della scuola di ogni ordine e grado, dalla materna all’università.

La retorica, le minacce, le promesse di repressione e bando di ogni opposizione attraverso l’annichilazione fisica e l’esilio, fanno certamente paura e riportano a incubi che credevamo ormai finiti. Beata illusione, la nostra. Beata illusione. L’odio espresso a più voci e raccolto dal discorso del candidato, ora presidente eletto, è da sempre parte integrante del nostro quotidiano espresso nei rapporti di forza contro quella parta della popolazione vulnerabile alla repressione. È un odio in cui il neo presidente ha trovato non solo un appoggio, ma il substrato culturale sul quale basare i suoi trent’anni di vita pubblica. Basta leggere le pubblicazioni del “Clube Militar”. È tutto scritto. Il rifiuto, dei diritti civili conquistati a partire dalla nuova costituzione del 1988, è il denominatore comune di una larga parte della societá in accordo con le gerarchie militari. È tutto scritto: una specie di delirio che vede l’avvicinarsi e il possibile di concretizzarsi della minaccia comunista, nell’azione dei movimenti sociali o nelle marce del Gay Pride; nelle rivendicazioni per la riforma agraria o nell’affermazione dei diritti delle donne. Tutto scritto. Il neo eletto ha bevuto direttamente alla fonte. Ciascuno si fida degli amici che ha: dieci ministri del governo di transizione sono militari, generali in servizio. Il vice presidente è un generale. Tutto quello che non si inquadra nella loro visione di mondo è per loro una minaccia da neutralizzare. Per questo non possiamo fermarci a combattere le affermazioni mostruose di un presidente troglodita, dobbiamo avere ben chiaro quello che sta per accadere davvero: le frasi di effetto, le banalità proferite a bocca piena, le offese, gli insulti, le minacce, distraggono la nostra attenzione dal vero problema.

Per salvaguardare in primo luogo la nostra dignità, e in seguito la possibilità di continuare ad agire politicamente ed esercitare il nostro diritto alla cittadinanza, dobbiamo formare un Fronte Democratico, una barriera all’onda autoritaria. Non possiamo isolarci e soprattutto non possiamo affidarci ai partiti, che per meschine questioni di leadership, danno chiari segni di non voler unirsi tra loro. Dobbiamo formare un fronte democratico civico e far pressione su quegli stessi partiti affinché ci seguano e ci sostengano a livello istituzionale. E per far ciò, per rendere contundente la nostra azione, diventa fondamentale il parlare in modo affermativo. La nostra indignazione, la voglia di denunciare al mondo l’orrore dell’accaduto e di quello che verrà, a lungo andare genera assuefazione, sia nell’opinione pubblica che in noi stessi. Ribadisco quanto detto sopra: la notizia dell’estinzione del Ministero del Lavoro è stata accettata passivamente, ripeto: l’estinzione del Ministero del Lavoro non ha provocato reazioni degne di questo nome. È necessario oggi più che mai tornare alle basi, ai centri sociali, ai collettivi delle periferie e proporre azioni positive concrete attraverso l’affermazione dei diritti. In primo luogo i diritti elementari, all’acqua, le fogne, l’energia elettrica, i trasporti, il servizio pubblico di salute, la facilità di accesso alla scuola. Tutte cose per le quali abbiamo lavorato tutta la vita e che pensavamo risolte ormai da anni. Tornare alle periferie. Solo attraverso la forza popolare potremo realmente far girare la ruota della storia a nostro favore. Attenzione: non è una lotta collettiva. È una lotta individuale, una lotta del singolo, di ognuno di noi. Solamente assumendola personalmente, solamente combattendola singolarmente è che la lotta si trasforma in collettiva. E sarà lunga, lenta e organizzata. Le grandi manifestazioni di piazza servono solo come esplosione periodica di rabbia ma non costruiscono, non amalgamano. Sono lo stoppino che la repressione vuole per costruire la sua narrativa per dipingerci come teppisti e nemici dell’ordine. Non possiamo cadere nell’errore di sempre, nella provocazione che ci vuole sovversivi quando chi ha sovvertito l’ordine democratico sono stati loro. Dobbiamo occupare ogni spazio, costruire e organizzare le nostre istituzioni, il nostro tempo spicciolo, dalle università al caffè con gli amici al bar; dai luoghi di lavoro alla conversazione con la vicina di casa in ascensore. Dobbiamo costruire uno spazio di pensiero che produca risposte e le divulghi. E per conversare è necessario prima di tutto saper ascoltare, e sapersi muovere in modo capillare. Se negli anni sessanta e settanta era la chiesa cattolica ha costruire coscienza attraverso l’azione delle comunità di base, oggi la chiesa è stata fagocitata dalla capillarità delle sette evangeliche pentecostali, fondate sulla “teologia della prosperità”. I culti di invocazione al successo economico in cambio di offerte ai pastori, alimentano il mito meritocratico mediante la relazione individuale col divino e distruggendo ogni dimensione orizzontale di “popolo di Dio”. Ebbene, si fa necessario entrare in questo universo ostile fatto di ricatti teologico-mistici, un universo impregnato del culto borghese alla meritocrazia, che ha impregnato perfino le frange più carenti della nostra popolazione, una specie di self made man brasilianizzato, ma che offre risposte immediate a domande concrete. Dobbiamo dimostrare il fallimento di tutto questo, ripartendo dal basso, dall’uso del diritto quotidiano del nostro ruolo di cittadini. Dobbiamo ricostruire la democrazia, dalle fondamenta. Dobbiamo reinventare il nostro linguaggio che insieme all’uso dei simboli nazionali è stato usurpato e deturpato. Il totalitarismo neoliberista considera le istituzioni come una impresa, le giudica in termini di efficienze e di produzione. Lo scopo è la privatizzazione dello Stato. Tutto ciò parte attraverso la dequalificazione della politica. Come possiamo spiegarci altrimenti che le periferie miserabili abbiano votato -prima come sindaco, poi come governatore – per un ricco imprenditore che si presenta dicendo: io non sono un politico, io sono un gestore. La creazione di una crisi permanente, è il loro più grande successo di critica e pubblico. Tocca a noi dire la verità, mostrare a tutti che il re è nudo.

Un giorno questa lotta avrebbe dovuto accadere. La Storia ha voluto che fossimo noi i protagonisti, l’ultima barriera. La nostra responsabilità è immensa e non possiamo tirarci indietro. Loro pensavano di avere il cammino spalancato. Ma non sapevano di avere davanti il loro avversario più duro: ciascuno di noi.

Ho raccolto in questo che ho scritto fin qui, senza alcuna autorizzazione, le parole e i concetti di Paul Singer, Vladimir Safatle e Marilena Chaui espressi nel dibattito “Costruire la Resistenza” avvenuto all’Università di São Paulo il primo novembre scorso. Ho aggiunto inoltre affermazioni e frasi mie personali. Il risultato di tutto questo sono le righe di cui sopra. Spero che i professori citati non me ne vogliano.

Il link all’articolo originale: https://www.pressenza.com/it/2018/11/che-fare/ 

Prime impressioni sulle elezioni statunitensi di metà mandato e un saluto agli eroi della carovana della miseria

Scarica il pdf: Prime impressioni sulle elezioni statunitensi di metà mandato e un saluto agli eroi della carovana della miseria

RaiNews, e la sua peculiare popolazione di ex addetti della sinistra, ha commentato con soddisfazione stamane (7 de novembre), che nell’elezioni statunitensi non c’è stata alcuna ondata anti Trump ed i democratici si erano limitati a riprendersi la Camera mentre (il loro) Donald aveva mantenuto la maggioranza al Senato. Per completare l’opera di minimizzazione hanno aggiunto: vittorie parziali dell’opposizione sono del tutto normali negli USA in questo tipo di elezioni.

Avevano preparato il clima da giorni vendendole come una sorta di plebiscito su Trump. Quindi, concludono, il plebiscito è fallito. Pur con qualche crepa, l’elettorato degli USA ha approvato la gestione del presidente.

Cerchiamo di mettere un po’ d’ordine.

1) È vero che, tradizionalmente, le elezioni parlamentari di metà mandato esprimono un certo livello di dissenso verso la presidenza e il partito all’opposizione recupera qualcosa sulle elezioni precedenti. Tuttavia, perché la elezione dei senatori è solo parziale, è assolutamente tradizionale (e logico) che i cambiamenti non siano massicci.

Ergo, rientra nell’assoluta normalità che i democratici abbiano recuperato la Camera ed i repubblicani mantenuto il controllo del Senato, pur perdendo voti. Sarebbe stato un terremoto se i democratici avessero recuperato il Senato, ma solo ai propagandisti (e agli ignoranti) è passata per la testa quella possibilità. Leggi tutto “Prime impressioni sulle elezioni statunitensi di metà mandato e un saluto agli eroi della carovana della miseria”

Il ritorno di Cuore di tenebra: dalla Poumina del Fiume Congo all’Anaconda del Rio delle Amazzoni [1]

Scarica il pdf: Brasile_Cuore di tenebra ritorna nei tropici

“Pappagallo brasiliano, il Brasile ormai è lontano
tu che libero sei nato, te lo sei dimenticato.
Parli forte e pensi piano, pappagallo brasiliano
te lo sei dimenticato parli forte e pensi piano
pappagallo brasiliano”
Vinicius de Moraes, Sergio Endrigo, “Il pappagallo”[2]

Poco dopo le 19 (ora locale), migliaia di persone congregate all’esterno
dell’appartamento di Bolsonaro a Barra de Tijuca, zona occidentale di Rio,
hanno incominciato a festeggiare. Più tardi, verso le 10,30 di sera,
a Niterói, città separata da Rio de Janeiro da un ponte di 13 chilometri,
è comparsa all’improvviso una fila di camion dell’esercito.
I militari, circondati da una folla festante che urlava “E’ tornata la dittatura!  Evviva!”, hanno festeggiato il loro presidente con le braccia rivolte al cielo.
Chi li ha convocati? Da chi hanno ricevuto l’ordine di abbandonare le caserme?

Eric Nepomucemo, “Victoria de Bolsonaro entre gritos de “¡Viva!” “¡Volvió la dictadura!”[3]

1) L’arca di Conrad era partita dall’Africa

“Solo quando i leoni si metteranno a scrivere la storia,
i cacciatori cesseranno di essere degli eroi.”
Proverbio africano

Nel 1884, i 14 Stati europei e gli Stati Uniti riuniti nella “Conferenza di Berlino”, regalarono ufficialmente a Leopoldo II del Belgio il territorio dello État indépendant du Congo (Libero Stato del Congo). Il suo regno europeo aveva 30.530 km2. La sua riserva privata di caccia africana, 2.345.000 km2.

La conferenza di spartizione dell’Africa sanciva la dislocazione dei saccheggiatori negli Stati africani. Infatti, il Leopo controllava il territorio congolese fin dal 1877.

Per riuscirci, nel 1876 aveva fondato l’”Association internationale africaine”, allo scopo di promuovere l’esplorazione e la colonizzazione dell’Africa. Quindi, l’associazione aveva ingaggiato e spedito nel Congo Henry M. Stanley, noto esploratore reso celebre dalla frase con cui aveva salutato David Livingstone sul lago Tanganica, nel 1871: “Doctor Livingstone, I presume” (“Il dottor Livingstone, suppongo”).

Certamente per puro caso, di solito ci si dimentica di aggiungere Leggi tutto “Il ritorno di Cuore di tenebra: dalla Poumina del Fiume Congo all’Anaconda del Rio delle Amazzoni [1]”

BRASILE 2018: Gli dei rendono pazzi coloro che vogliono perdere

1968: Manifestazione a Rio de janeiro contro la dittatura militare. Foto Arquivo Nacional/Correio da Manhã

Scarica il pdf: BRASILE 2018_Gli dei rendono pazzi coloro che vogliono perdere

Tristeza não tem fim

“A felicidade do pobre parece
a grande ilusão do carnaval.
A gente trabalha o ano inteiro
por um momento de sonho
pra fazer a fantasia
de rei ou de pirata ou jardineira
pra tudo se acabar na quarta-feira.
Tristeza não tem fin
Felicidade, sim…”
[1]

Dal momento che le parole sono pietre, conviene sempre misurarle.

Da queste parti ultimamente si parla spesso di fascismo, penso spesso a sproposito, almeno per ora.

Di fascisti in giro ce ne molti. Si riconoscono dal piacere che vi traspare quando possono maltrattare qualcuno. Altri sono imboscati. Ad esempio, c’è un buon numero di ex picchiatori trasformati in senatori.

Non è il caso di Jair Bolsonaro, l’uomo di ultradestra che domenica 28 ottobre probabilmente diventerà presidente del Brasile. Infatti, Bolsonaro è un fascista a pieno tondo.

Il successo elettorale dei fascisti non è ormai un’eccezione in un continente dove la destra è da tempo all’attacco. E una destra con le briglie sciolte, senza ritegno. Per ora fa ancora qualche prigioniero. È avvenuto, ad esempio, con Lula. Temo avverrà tra non molto con Cristina Fernández Kirchner. E resta in lista d’attesa, ma lì più che i tribunali potrebbero parlare i fucili, Nicolas Maduro in Venezuela.

Il Brasile è la settima economia al mondo, ma non è simpatico ricordarglielo a chi crede che lo sviluppo economico rappresenti una sorta di cura per gli estremismi (parlo di quelli che ci credono, non dei propagandisti). Ma questo Leggi tutto “BRASILE 2018: Gli dei rendono pazzi coloro che vogliono perdere”

Ay Nicaragua, Nicaragüita

Il 16 ottobre 2018, Kevin Espinoza, Marlon Fonseca e Hanssel Vázquez, tre pericolosi sovversivi nicaraguensi che finora si erano travestiti da studenti, sono stati condannati ad oltre 17 anni di carcere per terrorismo nel primo dei processi contro i partecipanti alle proteste contro la coppia Ortega-Murillo.

Secondo dati ufficiali, sono almeno 300 – su 500 arrestati – i ragazzi accusati di terrorismo e crimine organizzato. La maggior parte di loro è stata arrestata da paramilitari, come i tre terroristi condannati.
Ai tre sono stati imposti 15 anni per terrorismo, 2 per traffico d’armi e 6 mesi per impedimento di pubblico servizio mediante tranques (blocchi stradali).
La sentenza prova la buona disposizione d’animo dei giudici.
Infatti, il pubblico ministero aveva chiesto per tutti e tre la pena massima: 30 anni.
Salvo la loro presenza ai cortei e blocchi stradali, nessuna prova dei reati è stata presentata. Si è quindi applicata la giurisdizione Moro nel caso Lula, ossia l’intima convinzione di colpevolezza da parte del giudice.
Insomma, si è trattato di una sentenza di cuore.
E come dice di Maio, al cuore non si comanda.

Lettera a Monsignor Romero

Per le strade di Panchimalco, San Salvador, El Salvador. “Anche se la pallottola assassina mi uccidesse, resusciterei nel mio popolo”. (AP Photo/Salvador Melendez)

Scarica il pdf: Lettera a Monsignor Romero

Il 14 ottobre 2018, Oscar Arnulfo Romero è stato canonizzato alle 10,30 del mattino da Papa Francesco, in Vaticano.

Presumo per cerchiobottismo verso i benpensanti, insieme a lui sono stati canonizzati altri 6 nuovi santi.

La RAI e le sue sorelle, non potendo fare a meno di raccontare l’evento, hanno creato automaticamente l’accoppiata Romero-Montini (Paolo VI) che, a sentir loro, sarebbero accomunati dalle sofferenze. E RAI News è arrivata a sostenere che Romero era stato ucciso dai narcos!

Ufficialmente, Romero è diventato santo perché ad anni di distanza avrebbe guarito un contadino. Come fece Wojtyla con una suora guarita dal cancro e Paolo VI con una mamma che aveva problemi per portare a termine una gravidanza.

Non tocca a me discutere i criteri di una canonizzazione, che reputo compito esclusivo dei credenti preposti, e sono comunque felice che Romero abbia avuto tale riconoscimento.

Nondimeno, segnalo che Romero era ed è santo per la sua gente, fin dallo stesso 24 marzo 1980 in cui fu assassinato dagli squadroni della morte della destra salvadoregna (come hanno riconosciuto tutti, salvo la RAI).

Non lo è diventato per i suoi veri o presunti miracoli, ma perché ha condiviso fino in fondo la fortuna, o meglio detto la sfortuna, della sua gente, garantendole riflessione, elaborazione teorica, direzione, compassione nel senso più alto, compagnia.

Enrique e Carlos Mejía Godoy, i maggiori cantanti dell’epopea sandinista (oggi conseguentemente all’opposizione di Daniel Ortega) cantano infatti “Con Farabundo e Romero”. Penso tutti lo sappiano, ma a scanso di equivoci ricordo che il riferimento è a Farabundo Martí, luogotente di Augusto Cesar Sandino e fondatore di ciò che poi diventerà il Fronte Farabundo Martí di Liberazione Nazionale, FMLN.

Conclusione: non so se Romero sia stato un santo. Non ho le conoscenze per affermarlo.

So, però, che la sua gente lo considerava tale, e tanto mi basta.

Nel 2005, per il 25 anniversario del suo assassinato scrissi un pezzo che, per omaggiarlo, riproduco a continuazione.

Lettera a Monsignor Oscar Romero in occasione del 25° anniversario del suo assassinio[1]

“Fu quando gli zingari arrivarono al mare che la gente li vide,
che la gente li vide come si presentano loro,
loro, loro gli zingari,
come un gruppo cencioso, così disuguale
e negli occhi, negli occhi impossibile,
impossibile poterli guardare.

Enzo Jannacci, “Gli zingari”, (1968)

 

Caro Monsignore, sono passati 25 anni dal tuo assassinio e tredici dalla firma degli accordi di pace che hanno messo fine alla guerra civile nel tuo paese. Leggi tutto “Lettera a Monsignor Romero”