Pompieri piromani o sulla necessità di distruggere l’Antartide per salvare le città del Nord globale

                              “Non il Caos, né l’Orco, né Saturno, né Giapeto,
né alcun altro di questi Dèi decrepiti e fuori moda, fu mio padre,
ma Pluto lui solo, [il dio della ricchezza], padre degli uomini e degli Dèi,
con buona pace di Esiodo, di Omero e dello stesso Giove.
Un suo cenno, ora come sempre, mette sottosopra cielo e terra.
Il suo arbitrio decide della guerra e della pace, degli imperi, dei consigli, dei giudizi,
dei comizi, dei matrimoni, dei trattati, delle alleanze, delle leggi, delle arti,
delle cose scherzose e di quelle serie;
da lui dipendono tutti gli affari pubblici e privati degli uomini.
Senza il suo aiuto, tutta la folla degli Dèi, dei poeti, e, oserò dire,
perfino le stesse divinità maggiori,
o non esisterebbero, o vivacchierebbero alla meglio, di briciole”.

Erasmo da Rotterdam[1]

Scarica il pdf dell’articolo:

Finora ci avevano spiegato che “la temperatura dell’Artico aumenterà tra 3 e 5 gradi centigradi entro il 2050, devastando la regione e innalzando il livello degli oceani in tutto il mondo. E sapevamo che lo scioglimento della calotta polare artica provocherà un aumento dei gas serra incrementando l’acidificazione e l’inquinamento degli oceani… E pure che questi cambiamenti, ormai irreversibili, colpiranno la popolazione e la biodiversità dell’intera regione artica”[2].

Leggi tutto “Pompieri piromani o sulla necessità di distruggere l’Antartide per salvare le città del Nord globale”